whatsapp Fonte foto: Alejandro Ruhl / Shutterstock.com
SICUREZZA INFORMATICA

Nuova truffa WhatsApp scala tutto il credito. Come funziona

Una nuova truffa sta circolando sull'applicazione WhatsApp, ecco come riconoscerla e come difenderci per evitare che la frode ci rubi tutto il credito residuo

6 Novembre 2018 - Una nuova minaccia informatica sta colpendo in queste ore gli iscritti italiani di WhatsApp. Si tratta di una truffa organizzata da un gruppo di cyber criminali ed è rivolta agli utenti di diversi gestori telefonici. Lo scopo è quello di “rubare” tutto il nostro credito residuo.

Al momento, stando ai primi report della varie società per la sicurezza informatica, sembrerebbe che la truffa colpisca in maniera particolare gli utenti con scheda SIM TIM, VodafoneIliad Wind Tre. Come spesso accade nelle truffe su WhatsApp anche in questo caso la diffusione della frode avviene con le cosiddette catene di Sant’Antonio, ossia quei messaggi standard da rinviare ad altri utenti che sfruttano il passa-parola per diventare virali in poche ore sulla piattaforma. Per fortuna è molto semplice riconoscere questi tentativi di truffa informatica. Ecco dunque come agisce la nuova minaccia su WhatsApp e come difendere i soldi del nostro credito residuo.

Come difendersi dalla truffa del credito su WhatsApp

Il messaggio maligno che è in grado di ingannarci e rubarci tutto il credito del nostro smartphone agisce in maniera standard a prescindere dall’operatore telefonico che possediamo. Il messaggio ci avvisa che in seguito a una promozione siamo stati selezionati per avere cinque euro di ricarica gratuita sul nostro numero di telefono. Per ricevere la ricarica gratuita non dobbiamo far altro che cliccare su un link sottostante nel quale dovremo compilare un form standard dove ci verranno richieste le nostre generalità.

In realtà non c’è nessuna ricarica, il form che compileremo ci iscriverà a dei piani in abbonamento da 5 euro. Una truffa che scalerà in pochi istanti tutto il nostro credito residuo. Per difenderci dobbiamo capire innanzitutto una cosa: il nostro operatore in seguito a promozioni potrebbe anche regalarci una ricarica gratuita ma questa non ci verrà mai segnalata via WhatsApp ma solo nell’Area riservata del sito web dello stesso gestore. Ricordiamoci poi di non cliccare mai a cuor leggero sui link che riceviamo via SMS o sullo stesso WhatsApp, spesso veniamo reindirizzati su siti maligni oppure diamo il via libera al download di un malware. Infine non inseriamo i nostri dati su portali web che non conosciamo.

Contenuti sponsorizzati