cuffie-estate Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Cuffie in-ear, perché in estate è meglio non utilizzarle

Le cuffiette a contatto con l'orecchio sudato possono creare un ambiente fertile per germi e batteri, aumentando le probabilità di sviluppare delle infezioni

Smartphone, tablet e lettori multimediali da una parte e auricolari dall’altra: un binomio indissolubile. A volte sarebbe bene limitarne l’utilizzo, o meglio sarebbe consigliabile fare attenzione ai decibel sparati nelle orecchie, responsabili di molti danni irreparabili all’udito. Soprattutto l’estate.

Ma andiamo con ordine. Non è una novità che l’ascolto ad alto volume rischi di compromettere in maniera irrimediabile il funzionamento dell’apparato uditivo. Molti esperti consigliano, infatti, di mantenere l’audio a un livello medio e di non usare le cuffiette per un tempo prolungato durante l’arco della stessa giornata. Il problema della sordità causata da un uso improprio degli auricolari affligge soprattutto i più giovani, i quali rischiano, secondo un allarme lanciato di recente dall’OMS, l’Organizzazione Mondiale dalla Sanità, di andare incontro a sordità precoce. Un problema che affligge anche i bambini.

Le cuffie in-ear: più danni in estate

Come sostenuto da diversi esperti otorinolaringoiatri, inoltre, gli auricolari, soprattutto le cuffie in-ear (quelle che vanno dentro il canale uditivo) in alcuni casi possono spingere la cera dell’orecchio all’interno, causando un’occlusione. Ma perché i pericoli connessi agli auricolari sembrerebbero essere maggiori in estate? La riposta è da ricercare nelle alte temperature, che ci portano a sudare con facilità. In più, nella bella stagione facciamo molta più attività fisica. Cosa c’entra il caldo con i danni all’udito? Le cuffiette, a contatto con l’orecchio sudato, possono creare un ambiente fertile per germi e batteri. Di conseguenza, i rischi di sviluppare delle infezioni sono molto alti.

Il consiglio è dunque di limitare l’uso degli auricolari (soprattutto in estate) e di mantenere i decibel a un livello non troppo alto. Sempre che in futuro non vogliate utilizzare un apparecchio acustico.

Contenuti sponsorizzati