no-segnale-casa Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Come migliorare la ricezione dello smartphone in casa

Non sempre riusciamo a telefonare o a mandare un sms dal telefonino quando siamo in casa: il segnale radio è troppo debole. Ecco cosa fare per ottimizzarlo

Capita spesso di girare per casa con lo smartphone in mano alla ricerca del segnale. Come ogni apparecchio wireless, infatti, anche il telefonino può incontrare problemi alla ricezione, con il risultato che non siamo in grado di effettuare chiamate, mandare SMS e anche navigare su internet.

Una situazione davvero frustrante, soprattutto se stiamo aspettando una telefonata molto importante. Ci sono una serie di problemi che impediscono al cellulare di ricevere il segnale in maniera ottimale. Problemi che riguardano tutti, anche le persone che vivono nelle grandi città. Prima di parlarne, è utile cercare di capire a grandi linee come un telefonino riceve il segnale. Come è noto, alla base di tutto ci sono le onde radio, che il dispositivo riceve e scambia con un ripetitore montato su un edificio alto oppure sulle cosiddette torri. Purtroppo i ripetitori non sempre sono disposti sul territorio in maniera omogenea e di conseguenza il segnale può risultare in certe zone debole.

Le ricezione di uno smartphone in casa può essere ostacolata da altri fattori. È possibile, infatti, che il segnale sia coperto da una montagna oppure che l’abitazione abbia le pareti spesse che annullano o indeboliscono le onde radio. Un po’ come avviene con la connessione Wi-Fi. Cosa fare in questi casi? Mettere in pratica una serie di semplici accorgimenti, in grado di migliorare la ricezione dello smartphone in casa.

Trucchi per migliorare la ricezione

Partiamo da alcuni accorgimenti molto semplici e basilari. Come visto, il segnale può essere schermato dalla conformazione della casa, che diminuisce la forza delle onde radio anche se il ripetitore si trova a pochi chilometri di distanza. In questi casi, il consiglio è quello di avvicinarsi il più possibile verso le finestre, lasciandole aperte e facendo così “entrare” nell’appartamento il segnale.

Un’altra soluzione molto utile potrebbe essere quella di comprare dei ripetitori di segnale, dispositivi che in pratica amplificano il segnale radio e migliorano la ricezione dello smartphone. Il loro funzionamento è molto semplice. Allo stesso modo dei dispositivi che amplificano il segnale del Wi-Fi, i ripetitori di segnale catturano le onde radio esterne – quelle trasmesse dalle torri per intenderci – e poi le trasmettono potenziate all’interno dell’abitazione. Il sistema è molto utile anche per raggiungere parti della casa che solitamente non sono coperte dal segnale radio, come ad esempio i piani interrati.

È anche possibile che il sistema di ricezione dello smartphone, per una una serie di ragioni, sia andato momentaneamente in “tilt”. Si potrebbe provare ad attivare e disattivare la modalità aereo. Così facendo, il cellulare ricomincia a cercare il segnale radio. Se il trucco non funziona, riavviate lo smartphone. Fate attenzione anche alla batteria: normalmente con poca carica la ricezione del segnale è meno ottimale.

Passiamo alle misure “estreme”. E se il problema fosse proprio lo smartphone? Non tutti i telefonini, come è noto, sono fatti della stessa “pasta”, soprattutto se il device è un po’ datato. In questi casi, è meglio comprarne uno nuovo. E non solo.

Facciamo un piccolo passo indietro. Prima abbiamo parlato della diffusione dei ripetitori sul territorio. Ci sono alcune zone, infatti, che non sono coperte sufficientemente da alcuni operatori. L’unico modo per migliorare la ricezione del segnale, in queste situazioni, è cambiare gestore telefonico.

Contenuti sponsorizzati