password-intelligenza-artificiale Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Come creare password sicure a prova di intelligenza artificiale

Le password degli utenti sono fragili e le reti neurali permettono agli hacker di indovinare facilmente i modelli usati per creare le credenziali di accesso

5 Ottobre 2017 - Sebbene sia importante creare password complesse, la maggior parte delle persone tende a utilizzare alcuni modelli standard, che permettono poi agli hacker di indovinare le chiavi di accesso. Con l’avvento dell’intelligenza artificiale, inoltre, è diventato ancora più facile per i cybercriminali scoprire le password.

Per quale motivo? Gli utenti, probabilmente anche in maniera inconsapevole, nel momento di scegliere le chiavi d’accesso, spesso sono influenzati da alcuni fattori che ruotano intorno ai propri interessi. Per gli hacker è un gioco da ragazzi intercettare questi elementi e indovinare le password. Queste vulnerabilità servono ai cybercriminali per impartire i comandi giusti ai software utilizzati per generare le password. L’intelligenza artificiale semplifica ulteriormente il lavoro degli hacker: come è stato dimostrato, una rete neurale è in grado di identificare i modelli usati dalle persone per creare le password.

È sufficiente, ad esempio, raccogliere informazioni sui post pubblicati sui social e da qui capire gli interessi degli utenti: i dati sono poi usati dalla macchina per indovinare le password. Dunque, come facciamo a difenderci? Basta creare una password a prova di intelligenza artificiale.

Come creare password sicure

Per iniziare, come suggeriscono anche molti esperti, è molto importante evitare di utilizzare frasi brevi e di uso comune. Per un generatore di password, infatti, è davvero molto facile scovare queste tipologie di chiavi. È necessario poi mettere in pratica un altro accorgimento. In tanti sono portati a credere che, sostituendo una lettera con un numero, come in “CIA0”, sia possibile ingannare i generatori di password. Sbagliato, gli hacker sono sempre un passo in avanti.

Alcuni specialisti di settore sostengono che un modo molto valido per creare password sicure sia quello di scrivere una “frase memorizzabile”– una, insomma, che non si possa dimenticare facilmente – e prendere di ogni parola la prima lettera per comporre la password. Ecco un esempio: “mi sono laureato in medicina nel 1985 a Milano con il voto di 100 e lode ”. La nostra password sarà: “mslimn1985amcivd100el”. Ovviamente, più è lunga e complessa la frase e più sarà difficile indovinarla.

Un altro modo per assicurarsi di avere una password a prova di AI è utilizzare un password manager, programma che, non solo custodisce in sicurezza le nostre password, ma è anche in grado di creare chiavi di accesso difficili da scoprire.

Ricordatevi anche, lì dove sia possibile, di utilizzare l’autenticazione in due passaggi, che oltre alla password richiede anche un codice PIN. Infine, non fate l’errore di usare la stessa password per più account. Per quale motivo? Se un hacker riuscisse a indovinare la chiave privata, in pratica avrebbe accesso a tutti gli altri profili. Con buona pace dei vostri dati.

Contenuti sponsorizzati