facebook-messenger Fonte foto: Siarhei Dzmitryienka / Shutterstock.com

Come cambierà Facebook Messenger nel 2018

Facebook Messenger subirà un restyling nel 2018 per mettere ordine alle funzionalità e si aprirà ancora di più al mondo del business

17 Gennaio 2018 - Il 2017 è stato un anno importante per Facebook Messenger. A testimoniarlo sono i numeri raggiunti dal servizio di messaggistica istantanea: oltre 1,3 miliardi di utenti attivi ogni mese, oltre 200.000 bot attivi che permettono agli utenti di avere un rapporto diretto con le più importanti aziende al mondo, 500 miliardi di emoji inviate e oltre 18 miliardi di GIF spedite. Numeri che nell’ultimo anno sono stati raggiunti solamente da WhatsApp, altra applicazione della galassia di Facebook.

Ma gli sviluppatori di Facebook Messenger non sono certo persone che si adagiano sugli allori e sono già al lavoro per migliorare la piattaforma di messaggistica. Negli ultimi due anni sono state rilasciate molte funzionalità che hanno arricchito Facebook Messenger, ma che allo stesso tempo lo hanno reso più complicato da utilizzare. E in molti casi le nuove funzionalità non vengono nemmeno prese in considerazione dagli utenti perché hanno difficoltà nel trovarle. L’obiettivo per il 2018 è fare un restyling completo dell’applicazione, rendendo più semplice l’utilizzo dell’app.

A dirlo è David Marcus, capo di Facebook Messenger, che attraverso un posto su Medium (piattaforma di content management) ha spiegato come cambierà il servizio di messaggistica nei prossimi mesi. Oltre a una nuova interfaccia utente, sarà data sempre maggiore importanza ai messaggi in real time (in particolar modo le videochat), alle conversazioni di gruppo, ma soprattutto si cercherà di rendere Facebook Messenger la piattaforma preferita delle aziende. Non solo per offrire assistenza ai clienti, ma anche per promuovere offerte su misura. Ecco i cambiamenti che vedremo su Facebook Messenger nel 2018.

Comunicazioni in real time

Per coloro che amano fare le videochiamate, Facebook Messenger è già tra le piattaforme migliori da utilizzare. È possibile effettuare chiamate di gruppo fino a un massimo di 50 partecipanti e condividere con i nostri amici notizie ed eventi a cui partecipiamo. La comunicazione in real time è diventata ancora più importante in un periodo di crisi, dove attentati e terremoti possono accadere da un momento all’altro. Ed avere degli strumenti che funzionino in questi particolari momenti è molto importante. Facebook Messenger vuole diventare la piattaforma che gli utenti utilizzano quando bisogna avvertire di stare bene dopo un disastro naturale. O quando bisogna festeggiare il compleanno del proprio nipote che vive dall’altra parte del mondo. Per questo motivo verranno potenziati gli strumenti per comunicare in diretta, sfruttando soprattutto le chiamate video. Un esempio è Messenger Kids, l’applicazione di messaggistica dedicata agli under 13 che permette ai genitori di essere sempre in contatto con i propri figli grazie alle videochat.

Semplificare l’interfaccia utente

Negli ultimi due anni su Facebook Messenger hanno fatto il loro debutto tante nuove funzionalità. I filtri AR per modificare le immagini, il supporto alle GIF, la possibilità di personalizzare i gruppi. Molte di queste funzionalità rilasciate negli ultimi due anni, però, non hanno fatto altro che complicare l’interfaccia utente e peggiorare l’usabilità dell’applicazione. Per questo motivo ci sarà un restyling dell’applicazione, in modo da semplificarne l’utilizzo e permettere agli utenti di sfruttare tutti gli strumenti nascosti in Facebook Messenger.

Assistere i clienti

Con oltre 200.000 bot attivi, Facebook Messenger è una delle piattaforme preferite dalle aziende per entrare in contatto con i propri clienti. Ma per il momento si tratta di un rapporto unidirezionale: i clienti domandano e i bot o chi si occupa del servizio clienti risponde. Nel 2018, gli sviluppatori vorrebbero che questo rapporto diventasse maturo, con le aziende che contattano in prima persona gli utenti/clienti per offrire prodotti e servizi.

Contenuti sponsorizzati