android-micro-sd Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Come aumentare lo spazio su Android senza usare una scheda microSD

Se lo smartphone non ha lo slot per la microSD, per aumentare la memoria è necessario utilizzare i servizi di cloud storage o una chiavetta USB

La maggior parte degli utenti che hanno uno smartphone Android quando vogliono aumentare lo spazio d’archiviazione del proprio telefono comprano una scheda microSD. Una scelta saggia e anche abbastanza conveniente. Ma non tutti i telefoni, specie quelli di vecchia generazione, hanno lo slot per la memoria espandibile.

Se non possiamo, o non vogliamo, comprare una memoria esterna da inserire sul nostro dispositivo, per aumentare lo spazio d’archiviazione, dobbiamo cercare di ripulire al massimo il nostro telefono. Per fortuna si tratta di un’operazione abbastanza semplice, che tutti possono fare. Il primo passo da compiere è quello di controllare le applicazioni presenti sul nostro smartphone. Generalmente le applicazioni, insieme alle foto, sono la causa principale della mancanza di memoria sullo smartphone.

Eliminare le app

Se il nostro telefono ha quasi esaurito la memoria è arrivato il momento di eliminare qualche applicazione che non usiamo più. Ricordiamo che generalmente uno smartphone Android, specie se non di ultimissima generazione, tende a funzionare in modo meno efficiente quando lo spazio d’archiviazione supera il 75-80%. Per prima cosa dobbiamo verificare quali sono le app che occupano più memoria. Per farlo dobbiamo andare su Impostazioni, quindi sulla voce Spazio d’archiviazione e infine sulla sezione App. A questo punto vedremo una pagina con l’elenco delle applicazioni che intasano maggiormente la memoria e dovremo eliminare quelle che non utilizziamo. 

Eliminare le foto

Le foto e i video, come già accennato, sono l’altro grande problema per lo spazio di archiviazione di uno smartphone. Dopo mesi o anni, in base alla nostra passione per la fotografia, la memoria del telefono sarà completamente piena dai nostri scatti. Questo non significa che non dobbiamo più catturare i momenti più belli delle nostre giornate, semplicemente dobbiamo salvare le foto in una memoria esterna dal nostro telefono. Può essere per esempio il computer di casa, oppure anche un hard disk esterno. Ma potremo anche utilizzare un servizio cloud. Google Foto, per esempio, concede una memoria illimitata per foto e video. Purché le foto non superino i 16 megapixel e i video i 1080p.

Usare lo streaming

Un altro grande problema per la memoria del telefono sono i file che scarichiamo. Soprattutto la musica che salviamo sul dispositivo. Per evitare di occupare troppo spazio d’archiviazione in questo modo la soluzione è usare i servizi e le app per lo streaming. Come, per esempio, Spotify o Deezer. Una valida alternativa, specie se non vogliamo servizi a pagamento, è invece Plex. Si tratta di un’applicazione per sincronizzare la memoria del pc con lo smartphone e quindi ascoltare la musica senza occupare lo storage del dispositivo mobile.

Chiavette USB

Le schede microSD non sono l’unica soluzione per poter aumentare lo spazio d’archiviazione del nostro smartphone Android. In commercio si trovano anche molte chiavette USB che possiamo facilmente trasportare. All’occorrenza basterà inserire la chiavetta alla porta USB del telefono per spostare foto, video e documenti.

Contenuti sponsorizzati